Sprirlì e il ricorso al dad Calabria

Ogni mattina in Calabria Spirlì si sveglia e sa che dovrà essere più veloce del TAR.
Ogni mattina in Calabria il TAR si sveglia e sa che dovrà essere più veloce di Spirlì.
Ogni mattina in Calabria un genitore, prima ancora di Spirlì e del TAR, chiama un altro genitore per dirgli: “Che facciamo, li mandiamo a scuola?”
Ogni mattina, in Calabria, quando sorge il Sole, un docente si sveglia e non sa se deve fare didattica in presenza o a distanza.
Nel dubbio prende il PC e va a scuola con il pigiama sotto la tuta.
Ogni mattina, in Calabria, quando sorge il Sole, un bambino si sveglia e non sa se deve andare a scuola o restare in Dad a casa.
Nel dubbio mette il grembiule da sopra il pigiama.
Ogni mattina, in Calabria, un genitore si sveglia e non sa se dovrà far andare a scuola il figlio o accendere il PC.
Nel dubbio manda tutti a quel paese!
Non importa che tu sia Spirlì o il TAR: la cosa importante è di sperare di non avere un figlio a scuola o di non essere un docente!
(Dal web)

Lascia un commento

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.