Quello che non sappiamo sui cani

I cani,amici dell’uomo dall’alba del mondo non sono solo straordinari amici intelligenti del loro capobranco umano,che uomo e cane fossero vecchi amici si sapeva, ma non da così a lungo. L’esame al carbonio 14 di un cranio fossile di cane domestico, ritrovato in Siberia, ha infatti rivelato che i due si frequentano da almeno 33 mila anni: ?circa 20 mila prima di quanto si credeva finora. hanno peculiarità che li rendono ancora più straordinari:
I cani posseggono molti più muscoli che consentono di muovere le orecchie, rispetto agli uomini che invece ne hanno la metà.
Il perché di questa straordinaria muscolatura auricolare si riscontra nel fatto che i cani utilizzano le orecchie non solo come organo uditivo, ma anche come strumento di comunicazione.
Infatti le orecchie dei cani possono assumere più di 100 espressioni facciali diverse, a conferma che il linguaggio non verbale è alla base della comunicazione di questi splendidi animali.
I cani vedono meglio al buio in condizioni di scarsa luminosità. Questo è possibile grazie al Tapetum lucidum, ovvero uno strato riflettente posto subito dietro, e talvolta all’interno della retina che permette di aumentare la quantità di luce che può essere catturata dalla retina stessa. Il tapetum lucidum causa gli occhi “indemoniati” se fotografate un cane con il flash.
Il naso o meglio il tartufo del cane oltre ad essere la carta d’identità del nostro amico è anche uno straordinario analizzatore di odori.Milioni di odori che noi non possiamo neanche lontanamente immaginare. Il cane possiede circa 200 milioni di recettori olfattivi (contro i nostri 5 milioni). Il cane ha un olfatto che gli permette di leggere certe situazioni semplicemente “a naso”.
I cani vedono a colori L’uomo è capace di vedere tutta la gamma di colori, mentre la visione canina è dicromatica. Il cane è in grado di vedere bene solo il giallo, il blu e tonalità intermedie a questi due colori principali. Come fa a trovare una pallina rossa su un prato verde? Quasi esclusivamente con il suo incredibile fiuto.
L’articolo continua in seconda pagina

Lascia un commento

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.